Home Senior Sicoma, al PalaCestellini bisogna dare il massimo

Sicoma, al PalaCestellini bisogna dare il massimo

261
SHARE

Momento difficile per i ragazzi di coach Pierotti. Dopo due gare convincenti, la prima culminata con la vittoria di Matera, la seconda con la sconfitta di misura contro Campli, la Valdiceppo non è più riuscita ad esprimersi sullo stesso livello. Poco convincente a Nardò, poi male in casa contro Cerignola, una di quelle partite che avrebbero potuto cambiare l’andamento di questa prima parte della stagione.

Dall’ultima trasferta a San Severo i ponteggiani escono con le ossa rotte: “Affrontare la capolista del girone privi di Casuscelli e Meschini era ovviamente un compito difficile se non impossibile, ma siamo preoccupati dell’atteggiamento della squadra, che è apparsa remissiva fin dalle prime battute” – dicono al Ponte – “ci sono caratteristiche che non possiamo perdere se vogliamo ottenere il risultato che ci siamo prefissi, quello cioè di mantenere questo livello. Se vogliamo salvarci dobbiamo tornare a combattere su ogni pallone, superare il gap tecnico che ci divide da alcune formazioni più attrezzate con le armi della determinazione, del desiderio, della capacità di andare oltre i nostri limiti. Altrimenti finisce come a San Severo.”
Un messaggio chiaro, da mettere in pratica in questo doppi

o turno casalingo che attende i bianco-blu. “Abbiamo sempre potuto contare su un sostegno straordinario da parte del nostro pubblico, dobbiamo continuare a meritarcelo a cominciare da Mercoledì”.
Questa settimana si gioca infatti il turno infrasettimanale, il 1 di Novembre alle 18 l’avversario sarà la neopromossa Civitanova, reduce della sconfitta interna nel derby contro Recanati. La squadra allenata da coach Rossi, dopo la straordinaria cavalcata della scorsa stagione, ha allestito un roster di primo livello, non nascondendo le proprie ambizioni. A produrre punti dal perimetro è arrivato un bomber di razza abituato a bottini importanti come Gennaro Tessitore, mentre alla fisicità di Coviello il compito di collegare i reparti e garantire duttilità tattica alla squadra. Ottimo anche l’inserimento del giocane Cassese, scuola Pesaro.

Per la Sicoma ancora i dubbi sulla formazione riguardano capitan Casuscelli, alle prese con l’infortunio alla mano, mentre sembrano progressivamente migliorare le condizioni della schiena di Meschini, anche lui assente nell’ultimo turno.