Home Serie B Joseph Mobio è il primo acquisto della Sicoma Valdiceppo

Joseph Mobio è il primo acquisto della Sicoma Valdiceppo

270
SHARE
joseph mobio a rimbalzo

“Stiamo seguendo diverse possibilità, ci interessano ovviamente le capacità tecniche ma alla Valdiceppo si deve venire soprattutto se si hanno grandi motivazioni, voglia di lavorare e di farlo all’interno del gruppo”. Ci eravamo lasciati qualche giorno fa con queste parole e a giudicare dall’identikit del primo acquisto ponteggiano siamo in pieno sulla linea tracciata.

Yantchoue Joseph Mobio, questo il nome completo del nuovo giocatore in forza alla Sicoma, è un ragazzone del 1998 che sfiora i due metri, qualità atletiche fuori dal comune, come speciale è la determinazione con la quale sta inseguendo il suo sogno.

Nato a Tivoli alle porte di Roma, ha vissuto tutte le giovanili in quel di Brescia, vivendo da vicino le vicende di quella società fino alla promozione nella massima serie. Ma a Joseph non bastava, voleva davvero una chance per passare da promessa a giocatore. Si è iscritto al Camp di Roccaporena ed il suo impegno negli allenamenti ha convinto coach Germano D’Arcangeli a chiamarlo alla Stella Azzurra, forse il posto dove il confronto sarebbe stato più duro.

Ha sudato molto, lavorato sodo, superato diversi ostacoli ma alla fine è diventato protagonista delle finali nazionali Under 20 prima, e della serie play-out in serie B contro la Vis Nova. Il suo apporto in gara 3, quella decisiva, fatto di rimbalzi offensivi, energia, difesa su qualunque avversario gli ha fatto guadagnare l’appellativo di “sindaco di Roma” con il quale scherzosamente lo chiamano alla Stella. “Non vedo l’ora di iniziare” le sue prime parole “voglio proseguire sulla strada del miglioramento e mi metterò a disposizione di coach e compagni per questa nuova avventura”.

“Ci ha colpito davvero la sua voglia di farcela, la mentalità e anche l’umiltà con la quale si è posto fin dal primo contatto” dicono di lui al Ponte “è un giocatore che ha più di una dimensione, duttile, in difesa è in grado di marcare sia i piccoli che i lunghi, di cambiare su chiunque. Mentre in attacco ha esplosività, può sfruttare i mismatch, può attaccare il ferro. E ha molti margini che scopriremo giorno per giorno”.

Benvenuto dunque a “The Major” Mobio, dunque, in attesa di altre imminenti novità.